riverside1.jpgriverside2.jpgriverside3.jpgriverside4.jpgriverside5.jpg

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti (pubblicitari, di profilazione e di tracking), per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni, tra le quali la memorizzazione di alcuni comportamenti e gusti degli utenti. Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo di queste tipologie di cookies sul tuo dispositivo.

View Privacy Policy

Come disabilitare i COOKIES

Non hai accettato i cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione pu essere modificata.

Hai accettato di impostare tutti i cookies sul tuo dispositivo. Potrai sempre modificare questa decisione.

ItaliaInWeekend.it

La scoperta del più antico pascolo di alta quota finora documentato sulle Alpi guadagna la copertina della rivista scientifica “Journal of Ecology”

Risultati immagini per “Journal of Ecology” novembre 2017

Aosta - L’Assessorato dell’Istruzione e cultura comunica che sul numero di novembre della rivista scientifica Journal of Ecology sarà pubblicato un articolo riguardante la scoperta di attività stabili di pastorizia sul Mont Fallère, risalenti a circa 5600 anni fa. La ricerca, coordinata dall'Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali di Milano (IDPA-CNR) e svolta in collaborazione con la Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, le Università di Ferrara, di Milano-Bicocca e di New York, ha individuato sul Mont Fallère il più antico pascolo di alta quota finora documentato sulle Alpi, mantenuto attivo per millenni.

Polline, spore fossili, frammenti di carbone e nutrienti, estratti dai sedimenti delle Crotte Basse, una torbiera a 2350 m di quota, testimoniano la distruzione di foreste millenarie di pino cembro e abete bianco e indicano la presenza di insediamenti stagionali preistorici. Infatti, a poca distanza dalla torbiera, il sito archeologico di maggior interesse ha restituito anche le vestigia di una capanna dell'Età del Rame, con tracce di focolari, una struttura costituita da elementi lapidei interpretata come un muro a secco, un'ascia in pietra verde levigata e industrie litiche in cristallo di rocca.

Siamo particolarmente lieti di apprendere questa notizia - dichiara l’Assessore Emily Rini - che dà valore a una ricerca così importante per la conoscenza della storia del paesaggio valdostano sia sotto l’aspetto di valorizzazione sia di fruizione in ambito didattico e turistico.

L’importante scoperta - prosegue l’Assessore - è frutto di uno studio multidisciplinare condotto al Mont Fallère dall’Assessorato e dall’Università degli Studi di Ferrara, grazie a un accordo tra gli enti nel settore della ricerca archeologica preistorica sul territorio valdostano.

Il link https://jecologyblog.wordpress.com/2017/10/20/volume-105-issue-6/ rimanda al blog della rivista scientifica che riporta un'anteprima della copertina del numero di novembre, dedicata alla torbiera delle Crotte Basse.