riverside1.jpgriverside2.jpgriverside3.jpgriverside4.jpgriverside5.jpg

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti (pubblicitari, di profilazione e di tracking), per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni, tra le quali la memorizzazione di alcuni comportamenti e gusti degli utenti. Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo di queste tipologie di cookies sul tuo dispositivo.

View Privacy Policy

Come disabilitare i COOKIES

Non hai accettato i cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione pu essere modificata.

Hai accettato di impostare tutti i cookies sul tuo dispositivo. Potrai sempre modificare questa decisione.

ItaliaInWeekend.it

Il Cenacolo Palladiano dell’Isola di San Giorgio Maggiore restaurato

Nuovi pavimento ligneo e boiserie a cura dell’architetto Michele De Lucchi.

 

11 aprile 2012
Incontro con la stampa, ore 12.00
Inaugurazione, ore 18.00 (ad invito)

Apertura al pubblico: dal 12 aprile 2012 tramite visite guidate


La Fondazione Giorgio Cini presenta l’intervento di restauro del Cenacolo Palladiano, chiuso da oltre un anno per importanti lavori di ripristino strutturale e funzionale, che ha visto anche la realizzazione di un nuovo pavimento ligneo e una nuova boiserie a cura dell’architetto Michele De Lucchi. L’11 aprile alle ore 12, Michele De Lucchi presenterà alla stampa il progetto da lui curato. Il Cenacolo sarà poi aperto al pubblico dal 12 aprile 2012 tramite visite guidate (per info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , 041.2201215, tutte le domeniche pomeriggio gratuito per i veneziani).

Il Cenacolo Palladiano è il più grande fabbricato non sacro realizzato da Andrea Palladio e uno degli ambienti più suggestivi e preziosi del complesso monumentale dell’Isola di San Giorgio Maggiore, sede della Fondazione Giorgio Cini. Il restauro appena concluso, reso possibile grazie al sostegno di Arcus Spa e del Magistrato alle Acque di Venezia, ha visto un importante intervento strutturale che ha comportato il ripristino del tetto a falde in coppi; il completo rinnovamento di tutti gli impianti e l'aggiornamento delle predisposizioni di sicurezza secondo gli standard più recenti.
Accanto a tali interventi fondamentali è stato realizzato, sulla base di un’idea progettuale dell’architetto Michele De Lucchi, l’inserimento di un nuovo pavimento e un nuovo rivestimento ligneo delle pareti interne del refettorio, seguendo un’idea filologica che punta a creare una nuova visione dello spazio monumentale nel rispetto delle proporzioni, delle prospettive e dei materiali che caratterizzavano il progetto originale.